Ushuaia, Fin del mundo

Siamo scesi da Passo Garibaldi in sette miseri chilometri, che miseri non sono mai con una bicicletta carica. Però sono stati i sette chilometri più belli di tutto il viaggio, con tanto di tornante finale così rotondo che quasi ci ha fatto girare su noi stessi. Continua a leggere “Ushuaia, Fin del mundo”

Tipi da Carretera

Antonio, professore di agronomia all’università del Mato Grosso in Brasile, è sempre sorridente sulla sua mountain bike. Alla sera ce lo ritroviamo vicino di camera a Villa Amengual. Continua a leggere “Tipi da Carretera”

Carretera Austral

“Vai a vedere la chiesa fra gli svincoli autostradali a Firenze. Fidati. Merita. Good luck” mi fa lo scozzese prima di salutarmi alla mattina e sparire dietro l’angolo della casa.

-Quando hai iniziato a viaggiare in bicicletta – chiedo

-Maggio 2017 – risponde secco lui Continua a leggere “Carretera Austral”

Los Cipreses

Los Cipreses sa proprio di west. E‘ spazzato da un vento molto forte e tutto è polvere. Però c‘è un aiuola spartitraffico, che non si capisce bene che traffico debba spartire, dove si trovano delle rose bellissime e coloratissime che proseguono fino al centro del piccolo villaggio. Il centro del piccolo villaggio è una bottega minuscola di fronte alla scuola. Compriamo qualcosa da bere mentre un ragazzino dalle mani sozze paga assieme al padre alcune cose. Entrambi vestono il basco patagone. Il viso del padre racconta del vento che spira a queste latitudini.

Continua a leggere “Los Cipreses”

Direzione Sud

IMG_1806Anni fa, adolescente, praticamente rubai un libro dalla biblioteca. Mica sapevo di cosa parlava, ma lessi il titolo e mi piacque subito moltissimo. Mi ricordava qualcosa di remoto. Marinai, montanari, avventurieri, banditi, vagabondi di ogni nazionalità. Paesaggi infiniti e desolati. Insomma tutto quello che la scuola non insegnava. Continua a leggere “Direzione Sud”

Le ore di buco

La lettera di richiamo arrivò puntuale per posta all’indirizzo di Via Roma. Ad aspettarmi mia madre con la busta in mano.

-Questa viene dagli uffici del comune! Cosa hai combinato ora?! – subito mi chiese con fare indagatorio

Non sapevo. Aprì la busta ed era stata inviata dalla biblioteca, dall’ufficio del rispettabile Professor B.

Merda questo fa sul serio, pensai subito.

-Allora che succede? – incalzò mia madre

Era difficile da spiegare, anzi no, era soltanto lungo. Continua a leggere “Le ore di buco”

Adrien e Qhubeka

IMG_0366-2

-Ma sai che la prima volta che ho visto qualcuno indossare le maglie della vostra squadra ero a Bagni di Lucca in un bar mentre stavo bevendo il mio caffé, e ti vedo due ciclisti arrivare al bancone e chiedere due cappuccini e brioche. Capii subito che si trattava di due professionisti e rimasi male: come due ciclisti professionisti che bevono cappuccino e mangiano brioches durante l’allenamento? – 

– Mi sa che ero io e Songezo – dice ridendo Adrien 

-Scendevate dalla strada che arriva da Collodi –

-Sì, facciamo spesso quel giro – ride –  e mi piace molto il cappuccino, ci fermiamo sempre durante gli allenamenti –

La bocca si apre, le gengive si scoprono e il sorriso gli rende il viso simpatico. Ride di gusto quando gli racconto l’aneddoto.

Adrien Niyonshuti ha 29 anni, è nato in Rwanda e di mestiere fa il ciclista.  Continua a leggere “Adrien e Qhubeka”