La macchina mangia mele

IMG_20170924_132721Con ottobre arrivarono sempre più frequenti le piogge, ed il fumo degli incendi era oramai svanito. P.D. il figlio del capo iniziò a chiamarci sempre più spesso a lavorare alla macchina all’interno del capannone. La macchina non è altro che una sorta di nastro trasportatore dove vengono rovesciate le grosse casse di mele raccolte nei vari meleti e loro iniziano a correre. Prima sott’acqua, poi sotto le spazzole lucidatrici e da qui verso dei vassoi infernali che girano all’impazzata dove davanti stiamo io e gli altri. 

Continua a leggere “La macchina mangia mele”

Thanks for your business

IMG_20171005_182543_536

Royal Gala, McIntosh, Red delicious, Spartan, Fuji, Ambrosia. Un bel pò di mele diverse: ognuna col suo sapore, ognuna col suo colore.

O.B. mi mostra un casco integrale completamente bianco con due grandi filtri davanti alla bocca.

– Questo me lo metto quando vado a spruzzare i prodotti sugli alberi. In più mi devo mettere la tuta che impedisce ai prodotti che spruzzo di finire sui vestiti e portarmeli a casa – Continua a leggere “Thanks for your business”

Un rifugio per menti curiose

IMG_20170921_175216

Ho trovato alloggio in una guest house molto sporca nel centro di Kelowna. E’ gestita da una signora cinese che se ne sta tutto il giorno a sedere dietro la scrivania del suo ufficio, a contare i suoi soldi e tessere le lodi della sua struttura che ospita prevalentemente studenti della locale università.

E’ inizio settembre fa caldissimo e non si respira. Tutti sono entusiasti di questo posto che pare essere considerato la Florida del British Columbia. La spiaggia è super affollata anche nella calura più appiccicosa.

La prima impressione che ho avuto di Kelowna è che faccia schifo. Il meraviglioso lago Okanagan coi suoi meleti, coi suoi ciliegi, con le sue vigne deve essere da qualche parte al di là di questa cortina di fumo che scende dalle montagne.

Continua a leggere “Un rifugio per menti curiose”