Pisa-Fireze solo andata. Giorno tre: Pisa a Lucca

NOZZANO: border control

Con nostra somma gioia oggi è il giorno di lasciare l’Hotel Royal Victoria. 

A modo suo, lui, ci da il suo saluto. Stanno girando un film, una fiction o non ho capito bene cosa al suo interno, ed hanno pensato bene di non chiudere l’hotel per tale incombenza. 

E’ tutto un via vai di maestranze, furgoni parcheggiati in doppia fila, carrelli trascinati all’interno nei corridoi, ogni tipo di faro e cavo sparpagliati in ogni angolo e poca gentilezza ovunque. 

Spinte, parolacce, traffico, tutti di fretta, tutti trafelati, già in ritardo ancor prima di iniziare. Ragazzetti con l’auricolare a controllare tutto il movimento e darsi un tono all’interno della produzione. Una ragazza con una felpa con su scritto il titolo del lavoro che stanno girando, ha un codazzo di due, tre persone, deduco che deve contare qualcosa più degli altri. 

Continua a leggere “Pisa-Fireze solo andata. Giorno tre: Pisa a Lucca”

Pisa-Firenze solo andata. Giorno due: Pisa

Di solito un giorno di merda si vede sin dall’inizio. Se inizia male non c’è speranza che migliori, può solo peggiorare. 

Nel mio caso mi sveglio alle 3,30 di mattina per colpa di una zanzara e non mi riaddormenterò più. Alle 6,30 suona comunque la sveglia così mi alzo e mi vesto. Fuori piove forte (segnale di giornata di merda).

Nella sala colazioni sono solo e al buio, la cameriera si accorge di me dopo un bel po’. Julie, l’anziana atleta della squadra si unisce a me anche se sono di poca compagnia. Bevo al volo un tè mangiando non so che, ed esco sotto l’acqua. 

Continua a leggere “Pisa-Firenze solo andata. Giorno due: Pisa”