Macerie d’Appennino II

Bang! Cambio di prospettiva così in un istante. E se invece ci fosse tanta gente? Strade piene. Case aperte. Alberghi al completo. Seconde case con finestre aperte, porte aperte, ombrelloni aperti, garage aperti e tutti che se ne stanno all’aperto.

Il secondo capitolo di Macerie d’Appennino è completamente diverso sotto l’aspetto della presenza umana. Sembra incredibile ma in un solo mese nell’arco dell’intero anno la montagna si ripopola.

Vi è una quantità di case aperte, specialmente quelle a bordo strada che mai avevano visto dalle loro porte e finestre entrare luce e attutire quell’umidità assassina ai bordi delle statale. Almeno per una settimana prendono aria, prima di tornare in letargo.

Continua a leggere “Macerie d’Appennino II”